Il blended Learning è un metodo di insegnamento in cui i docenti utilizzano l’informatica e per erogare contenuti ed interagire con gli studenti durante le lezioni e a casa.

Ormai sempre più scuole si affidano a questo stile di insegnamento, sia perché la pandemia e lo stato di emergenza ce lo hanno imposto sia perché effettivamente sembradare risultati molto migliori.

Il blanded learning non è da confondere con la pura DAD. Sono tue metodologie molto diverse tra loro.

La DAD prevede l’insegnamento completamente a distanza mentre il blanded learning integra la presenza con le tecnologie e i device informatici sia in presenza che da remoto.

Tuttavia, non sono tutte rose e fiori. Le barriere affinché la Blanded Learning abbia successo, non prossono prescindere dalla competenza informatica e degli strumenti da parte del docente e la sua capacità di inserirlo in classe.

5 suggerimenti che gli insegnanti possono utilizzare per insegnare correttamente tramite il blended learning

Usa più strumenti integrandoli in un flusso

La Generazione Z è nativa digitale e quindi è presumibile che i ragazzi siano più smart di noi. Strumenti obsoleti o noiosi non riusciranno a mantenere alte la concentrazione e l’interazione.

A questo proposito abbiamo già visto fallire il modello con cui si sono tenute lezioni via Google Meet che prevedevano un flusso univoco dal docente allo studente passivo.

Per mantenere alta la partecipazione dei ragazzi è fondamentale proporre, prova strumenti e giochi online. Ad esempio, non abusaredei powerpoint e integraspesso i video, anche con ripresa della classe sull’argomento della lezione. Fantastico poi riuscire ad acquisire attrezzatura per erogare contenuti con la realtà virtuale che è immersiva e quindi altamente coinvolgente ed emozionante.

Non diventare un integralista della tecnologia

Quando si sperimenta la blended learning ci si può far prendere la mano dalla tecnologia e finire per dimenticarsi l’insegnamento faccia a faccia durante il blended learning. Questo accade perché la maggior parte degli studenti, nativi digitali, si trovano più a loro agio quando si usano le tecnologie di interazione e fruizione. L’insegnamento frontale è però altrettanto importante per monitorare i progressi e la comprensione che gli studenti hanno del lavoro svolto.

Un sistema che funziona bene con i più piccoli è per esempio quello di iniziare la lezione frontalmente parlando con la classe e poi passare a discutere l’argomento in gruppo con il supporto di un PowerPoint per fissare i concetti con più efficacia per poi, una volta terminata una sezione, mostrare loro un video che riassume ciò che hanno appena imparato. Alla fine della lezione, i ragazzi iniziano inevitabilmente a perdere concentrazione e allora si può passare ad un gioco in classe che include domande sul lavoro svolto magari fatte con un test sul telefonino.

Rendi i materiali di lavoro sempre accessibile agli studenti

L’apprendimento digitale consente agli studenti di avere l’opportunità di accedere al lavoro anche dopo la fine della lezione. Tuttavia, in qualità di insegnante, è necessario archiviare il materiale di studio su una piattaforma accessibile agli studenti. Ad esempio, se mostri loro un video o un PowerPoint, salva il materiale sul cloud.

Personalizza percorsi di apprendimento per ogni studente

Assicurati di utilizzare risorse con vari gradi di difficoltà. Ciò costituirà una sfida per gli studenti più dotati dal punto di vista accademico e tu sarai lì per aiutare invece gli studenti più deboli.

Scegli un modello di blended learning che più ti somiglia

Esistono diversi modelli di blended learning. Prima di implementare questo stile di insegnamento nella tua classe, bisogna trovare un modello che ci faccia sentire più confidenti.Per esempio, un modello molto usato è quello della rotazione degli studenti su diverse stazioni tecnologiche posizionate in aula.

Prova qualcosa fuori dagli schemi

Quando ripetiamo le stesse cose, non si annoiano solo gli studenti ma gli insegnanti stessi. Bisogna continuare ad aggiornare e ravvivare con novità funzionali e di contenuto il nostro blanded learning.

Conclusioni

Il blended learning è uno stile di istruzione in cui gli insegnanti mixano l’informatica e l’insegnamento frontale. Per avere successo ricordiamoci di:

  1. utilizzare più strumenti tecnologici
  2. scegliere un modello con cui ci sentiamo più a nostro agio
  3. rendere il materiale accessibile agli studenti al termine della lezione
  4. non fare troppo affidamento sulla tecnologia e ricordarsi dell’insegnamento frontale